Ai lettori del N. 18

Cari Lettori,

con l’arrivo dell’estate, la nostra ambiziosa sfida è quella di riuscire ad inserire fra le letture che accompagneranno le vostre giornate, anche quella di Angolo Acuto.

Ci siamo dunque domandati “Come possiamo conquistarci un posto sotto l’ombrellone, accanto alle migliori proposte letterarie del momento?” In realtà la risposta che ci siamo dati non è stata così complicata: semplicemente proponendo articoli accattivanti e dalla piacevole lettura come nella tradizione di questa nostra rivista.

Nel primo articolo che proponiamo, “Storia del Periodico di Matematiche” del nostro Direttore onorario Antonio Salmeri, viene raccontata la vita di questo periodico, nato nel 1921 per opera di Federigo Enriques, dalle ceneri del Periodico di Matematica (a sua volta rivista nata nel 1886 grazie a Davide Besso).

Quest’ultimo, come spesso accade per le iniziative culturali, dovette far fronte alle inevitabili difficoltà che una guerra provoca, così da essere costretto a terminare la sua stampa nel 1918.

Lo spirito del successivo nuovo Periodico di Matematiche che riprese il percorso sotto la direzione di Enriques e Lazzeri nel 1921, fu quello di promuovere la cultura e l’interesse per la matematica, avendo come obiettivo primario gli insegnanti delle scuole medie. Questa seconda vita durò fino al 1970 quando la Zanichelli sospese le pubblicazioni a causa delle difficoltà riscontrate dalla rivista.

Fu de Finetti, allora Presidente della Società Mathesis, a riportare in vita il Periodico di Matematiche che divenne a tutti gli effetti un Organo della Mathesis, diretto di volta in volta dai Presidenti della Società Mathesis.

Il secondo articolo invece si inserisce nella oramai collaudata rubrica che Angolo Acuto dedica alla sperimentazione didattica effettuata nell’ambito del Piano Lauree Scientifiche promosso dal MIUR.

Angelica Malaspina e Lucia Rosa, rispettivamente ricercatrice di Analisi Matematica presso l’Università della Basilicata e professoressa di Matematica e Fisica presso il Liceo Scientifico Galilei di Potenza, presentano nell’articolo “Un’esperienza didattica sulle serie numeriche”, tutti gli aspetti di progettazione ed esecuzione di un laboratorio sul tema delle serie, diretto alle classi quarte e quinte dell’istituto.

Partendo da una discussione “ingenua” preliminare e da alcuni riferimenti a celebri episodi storici, viene descritto il percorso che porta ad una idea intuitiva del processo di passaggio al limite mediante l’applicazione a particolari tipologie di serie.

Infine in questo numero, oltre a presentare le soluzioni degli esercizi proposti nella nostra ultima uscita, proclamiamo anche i vincitori della edizione 2017-2018 del nostro premio.

Congratulazioni pertanto a Mattia Miolato ed Adriano Donadoni, vincitori rispettivamente per le categorie appassionati e specialisti. La sfida che proponiamo a loro è quella di “conservare” il titolo anche per il prossimo anno.

A tutti gli altri è rivolto l’invito a proporsi come sfidanti ai nostri campioni attuali, inviando le soluzioni ai quesiti del Concorso che riprenderà dal prossimo numero di ottobre.

Ricordiamo a chiunque voglia collaborare con noi di inviare il proprio contributo all’indirizzo angolo.acuto@unibas.it.

Buona lettura e buona estate!

La redazione

Autore dell'articolo: admin

1 commento su “Ai lettori del N. 18

    admin

    (24 Ottobre 2018 - 17:36)

    Carissimi amici, ho seguito in questo anno il nascere di questa serie rinnovata di ANGOLO ACUTO con interesse, curiosità e… apprensione lo sviluppo di Angolo Acuto.
    Ricordo quando rilevai, forse con incoscienza, la testata Angolo Acuto dagli eredi del Fondatore Giuseppe Spinoso ripromettendomi di cercare tra i miei amici e conoscenti una persona all’altezza di continuare la meritoria opera interrotta 35 anni fa’, ma soprattutto desiderosa di impegnare parte del proprio tempo a fare qualcosa per i giovani che sono la speranza del domani.
    Con grande piacere e … stupore sono stato contattato dalla professoressa Maria Rosaria Enea che sperava di incontrarmi al Convegno di Palermo per parlare di giornali per i giovani. Io a causa di problemi di salute dovetti rinunciare ad essere presente ripromettendomi di essere presente a quello di Potenza.
    In quella occasione il mio intervento fu incentrato sulle consegne della testata di Angolo Acuto da me diretta con grande fatica per circa tre anni e grande responsabilità nei confronti degli Eredi.
    Ad essi avevo promesso di continuare a tenere alto il prestigio di Angolo Acuto che fu il simbolo della rinascita culturale italiana dopo una devastante guerra.
    Fu una gioia grandissima quando alla fine del mio intervento Livia Giacardi, Clara Silvia Roero, Luigi Pepe ed altri di cui non conoscevo il nome vennero a congratularsi con me per la indovinata scelta da me fatta consegnando la testata a Maria Rosaria Enea.
    Dopo tale passaggio di consegne rimasi in trepidante attesa per vedere come Angolo Acuto avrebbe continuato il suo cammino e quale sarebbe stato l’impegno della nuova Redazione, rifiutata per oltre trent’anni da Istituzioni, Università e Matematici.
    A distanza di oltre un anno devo ammettere che la mia era stata una saggia e oculata scelta in quanto Angolo Acuto è diventata una bellissima e prestigiosa realtà che ospita articoli di grandissimo interesse. Antonio Salmeri

Lascia un commento